26 aprile 2017

Chiacchiera Speciale Tempo di Libri - Bambini? Quali Bambini?


La Libridinosa: Pinerolo… spazzolini da denti… fragole rubate… quali bambini?... katyperry…

Eliza: hai riassunto il nostro Tempo di Libri?

LL: manca la camera aperta e poi abbiamo detto tutto!

E: beh proprio tutto no…. quanto ci siamo divertite??

LL: talmente tanto che ho scoperto di possedere degli addominali!

E: ah vero! Eri così stupita….

LL: dopo 40 anni di vita sono scoperte che scioccano!

E: senti facciamo un po’ di ordine che se no non ci capiscono niente, già siamo confuse noi di nostro non creiamone di più. Diciamo che il nostro Tempo di Libri è iniziato martedì anche se non siamo andate in fiera.

LL: anche perché in fiera martedì montavano ancora gli stand. Volevi montare gli stand anche tu?

E: siiii!

LL: ti ci vedo proprio, agile e atletica come sei! Ok, martedì sei arrivata e dove sei arrivata? Dillo al mondo!

E: nell’esotica Casalpusterlengo! Fidatevi, lasciate perdere i Caraibi!

LL: Casalpusterlengo, la città in cui la gente ruba dai posaceneri! E come ti ha accolta Consorte?

E: con la carbonara!!!! Gaaaaaaaaa!!! Che porello ci ha sfamate in 6 più figlio per sei giorni e mica con la pasta in bianco: lasagne, pizze, grigliate, torte, fragole (per La Ropolo)!

LL: diciamo che non siamo morte di fame! Però io ho pure perso un chilo e mezzo (Ropolo la sento urlare, sa?!). Lallì, che abbiamo fatto martedì? Io ormai ho i vuoti di memoria!

E: martedì è stata giornata tranquilla e casalinga, anche perchè io ero sveglia dall’alba. Però abbiamo organizzato cose!

LL: praticamente quello che facciamo tutti i giorni al telefono, ma in versione live! Poi è arrivato mercoledì. Ti ricordi mercoledì? Quando ci hanno chiesto: “Ma voi siete le blogger?”

E: sii, e noi ci siamo guardate in faccia nel timore che ci volesse uccidere e invece è stata carinissima! Era la proprietaria del negozio in cui abbiamo fatto stampare le borsine con i loghi (venute benissimo). Ci ha pure regalato i porta penne (penneeeeeee!!!)

LL: occhio che se sbavi ancora un po’ ti disidrati! Allora, abbiamo preso le borsine e poi tu sei tornata a casa a sbavare sul pollo ai pistacchi (hai smesso di mandare foto alla Basso o la stai ancora torturando? E: un po’... lo so sono carogna! Ihihihihhhh)

E: vero, e tu hai fritto!! Che il mondo lo sappia, hai fritto!! (LL: sai che novità! Io non friggo mai mai!) E nel pomeriggio sessione di shopping insieme. Dillo che ti ho vestito bene, come fanno le mamme alle bimbe, un altro po’ e ti facevo mettere il fiocco nei capelli. Però non hai scappottato. Capito? Ecco come si fa a non farti fare figure di melma a Milano o a Savona e a non farti fissare dai maniaci.

LL: mancava solo mi infilassi gli occhi di bue coi calzini bucherellati ed ero perfetta, guarda! E comunque la figura di merda l’ho rimediata parlando! Lì non hai potuto nulla manco tu!

E: i miei poteri hanno un limite… se ci ripenso….Ma prima finiamo col mercoledì. Allora ti ho vestita e poi non sei morta sulla scala mobile (ho le prove filmate, anzi un po’ ci speravo… sai le visualizzazioni? LL: stronza!). Poi siamo andate a Cremona…

LL: e siccome avevamo paura di non trovare libri a Rho, abbiamo fatto un giro in libreria e abbiamo pure comprato! E siamo andate al Tiger (che è di fronte a Mutandalandia, ma non ho comprato pizzo stavolta!) e siamo pure andate a comprare le yankee (avevamo le facce un po’ allucinate, eh?)

E: solo un po’? Abbiamo pure fatto la spesa all’Esselunga e io ne sono uscita traumatizzata…. le vongole in vaschetta sottovuoto… ma che roba è?????

LL: roba di gente che vive in Lombardia e non ha il mare. Poi non mi pare tu sia stata restia a cibartene, eh?!

E: ma è strano!! Da me le vendono in un simpatico retino e fanno vong vong…

LL: noi invece abbiamo le nutrie che fanno nutr nutr. Vuoi ?

E: oh quelle le abbiamo pure noi!

LL: senti, vogliamo parlare di giovedì? Dei calamari? Della bella figura che ho fatto in università? Di quello studente che vive fuori dalla mia porta aspettando che io la apra?

E: cosa devi aprire??? No non rispondere! Ok, giovedì. Siamo andate a Savona (no Genova, capito Laura?)... che mare ragazzi! Io che vivo davanti al ristagno del Mediterraneo ero in piena ammirazione.

LL: senti ristagno… Genova o Savona, sempre Liguria è! Ti ho portata lì, sana e salva nonostante i camionisti stronzi che ci tagliavano la strada (E: ecco, camionista estone, vaffanculo!). E Sara ti ha pure portata a mangiare i calamari che facevano ancora calam calam nel piatto!!

E: uh buoni! E Sara è una grande donna!

LL: una grande donna che ha fatto un grande errore: pensare che io riuscissi a non dire una cretinata davanti ad 80 ventenni

E: ecco dillo alla gente che cosa hai detto (e intanto si lima le unghie al telefono… grat grat grat… oggi siamo onomatopeiche)

LL: e che avrò mai detto? Che la mia camera è aperta a tutti. Senti ciccia o scappotto o dico cretinate, tutto liscio non può filare con me!

E: almeno non hai fatto entrambe le cose, se no quello in quarta fila ce lo trovavamo nel bagagliaio… ciao studente della quarta fila, spero tu ti sia trovato qualcuna nel frattempo o ti sia fatto una doccia fredda (e non diciamolo che al telefono mi hai detto che era pure carino)

LL: io le chiacchiere con te non le faccio più. Vai a fartele con una di quelle che ti salutano calorosamente a Rho

E: carogna! Va beh, almeno il discorso è andato bene, sei stata brava… visto? Pure io so fare i complimenti!

LL: se lo dici tu che sono stata brava… io ho un vuoto totale. Ricordo solo un’anziana in prima fila che stava sempre col cellulare in mano

E: stronza.... io pure ad immortalare l’evento stavo! La prossima volta chiedilo alla ragazza che legge Lorenzo Marone e che aveva gli occhi a cuoricino mentre te lo diceva… io starei attenta…

LL: carina lei! Ah ma eri tu quella anziana in prima fila? Scusa!

E: si ero quella che quando hai detto che camera tua è aperta a tutti ha fatto la faccia la faccia da “che minchia sta dicendo???” e poi ha guardato Sara sbiancare… io io

LL: tu tu, ok! Vabbè, è andata bene, ci siamo divertite, abbiamo mangiato da dio e visto un mare che ce lo sogniamo e poi siamo pure tornate a casa vive! Ed è arrivato venerdì, che per noi è stato l’esordio a Tempo di Libri!

E: e che esordio! Anzi, mi scuso pubblicamente col tipo a cui ho chiesto indicazioni per la metro e a cui poi ho schifato il volantino… scusi, andavo di fretta, stavamo cercando Mariarosa!

LL: schifato? Ancora un po’ e glielo infilavi in gola! E quello che è stato tanto gentile a darci le indicazioni precise al centimetro, mica come Siri che ci diceva di cercare la stella polare. Vabbè, diciamo che il primo giorno ci è servito per capire bene quanto tempo prima partire da casa, dove mollare la macchina senza dover vendere un rene per pagare il posteggio (che a noi i reni servono per la Apple!) e per renderci conto che tra il parcheggio e l’ingresso della fiera c’era il tunnel della morte da attraversare.

E: minchia nella metro mettetecelo un cartello Porta Est! Comune di Rho, ve lo scrivo io con l’Uniposca! Metto pure faccina sorridente… Va beh, abbiamo recuperato Chicca/Mariarosa e viaaaaaa, verso l’ingresso dove scopriamo di non dover cacciare manco un euro! Gioia e giubilo!! E noi subito: ohi 15€ risparmiati… ci si compra un libro in più!! Uno…. crediamoci….

LL: Tu quanti libri avevi detto che avresti comprato? Perché io pensavo di comprarne giusto un paio e sono tornata a casa con dieci-libri-dieci

E: io avevo detto quattro ma pensando “meglio tre” e ne ho presi 5, ma due costano quanto un anno di mantenimento di un treenne….tra il Limone (ossia Tutti i nostri oggi sbagliati) e Passenger sono quasi 40€…

LL: vabbè però noi abbiamo anche l’attenuante di non aver speso assolutamente nulla per cibo e bevande, perché io sono fubba fubba e so che lì dentro per un panino ti chiedono sempre il famoso rene e quindi prevengo!

E: e li fai fare a Consorte

LL: vabbè ma non è che devi sempre puntualizzare ‘sta cosa, sai?

E: diamo a Cesare quel che è di Cesare e a Consorte quel che è di Consorte… si è pure sistemato tutto il giardino!

Laura, Mariarosa e Sabrina alla Newton.
Foto esclusiva!
LL: è anche suo il giardino, eh! Senti Dio, lo diciamo che di Tempo di libri in quanto fiera dell’editoria parleremo singolarmente, analizzando per filo e per segno pure la moquette? Che magari qui pensano di trovare dei discorsi seri e poi ci rimangono male!

E: ah si, qui discorsi seri proprio no! Venerdì poi abbiamo solo girato… e girato e girato! Ah dimenticavo, ti ho lanciato dentro la Newton!

LL: eh… e nonostante ciò sei ancora viva! Pensa a quanto bene ti voglio! La mia faccia era tutta un programma, ma anche quella del tipo che mi ha fissata e mi ha detto: “io so chi sei” non era molto allegra!

E: se lo diceva a me io gli rispondevo “Certo, sono Dio!”

LL: a te questa cosa sta davvero sfuggendo di mano (tipo quando hai sbadigliato in macchina e hai detto: “Eh Gesù santo e benedetto… cioè io”)

E: e salutiamo la CEI! Comunque tranquilli che io non sono manco nella vostra sfera di influenza, manco cresimata, quindi non avete perso nessuna pecorella (LL: beeeeeeee). E comunque tu hai chiamato Dolci (si abbiamo incontrato anche lei e consorte!) e lei ti ha risposto con un "DIVINAAA"... qui iniziano ad esserci troppe divinità!
E dopo la parentesi da scomunica…. che lo diciamo chi abbiamo recuperato in stazione? Ma siii!! Allora, abbiamo salutato Mariarosa che giustamente aveva prenotato le vacanze al lago proprio questo fine settimana e abbiamo recuperato La Ropolo!!!!

LL: scena degna di un film, con lei che scende dal treno e io che le corro incontro! Mancava solo la spiaggia e la musica di sottofondo e potevamo tirare fuori un bel mattone romantico! Ah La Ropolo, la madre dell’anno, la madre delle madri, la donna che, chiusa la porta di casa, ha rimosso completamente dalla mente i suoi figli! Dì dì, Ciambella, a te l’onore!

E: ihihihihhhh!!! In macchina la chiama marito e le fa “Ma gli spazzolini li hai messi in borsa?” e lei “si si, ma per chi mi hai preso! Ho il mio da viaggio”... minuto di silenzio da parte del consorte e “quelli dei bambini…” e lei… “Bambini? Quali bambini??”... ecco, questo Tempo di libri ha avuto questa frase come slogan!

LL: la Ropolo dà sempre grandi soddisfazioni! Riesce a far apparire pure me come una madre decente, pensa te! Comunque, se avete dei bambini da piazzare andate pure a Pinerolo (detto con rigoroso accento piemontese!). Fatto sta che noi la Ropolo la adoriamo e ce la siamo portata a casa e l’abbiamo pure accolta con effluvio di lasagna (sì, fatta da Consorte, ché tanto lo so che poi lo dici tu, tiè!)

E: cavoli, ci mandava pure le foto del sugo! Gaaaaaaaaaaa… E dopo mangiato, stanche da viaggi e giri, ci siamo messe comode… e Chiara a tirato fuori il pigiamino da galeotta!

LL: sembrava Totò in uno dei suoi film migliori: pigiama da galeotta e paresi facciale (‘sta cosa inizia a preoccuparmi, eh!). Senti Lallì, ma quanto abbiamo chiacchierato? Perché io ho tutto un mischione in testa ormai

E: eh un bel pezzetto… poi siamo svenute a letto! Anche perchè il meglio doveva ancora venire… anzi partire da quel di Pordenone!

LL: scusa, il meglio sarebbe la Bacci? No, perché io avrei da contestare in questo caso!

E: ma carogna sei! Il meglio nel senso che il sabato eravamo taaaante di più!

Fine Parte 1! Per la seconda parte andate dalla Libridinosa QUI!


La Biblioteca di Eliza
La Biblioteca di Eliza

Laura 35 anni. Blogger. Italy♥ Datemi un libro, un thè e una giornata piovosa, mi farete felice. Ogni libro è un'avventura incredibile e io voglio viverla! Voi no?

10 commenti:

  1. ma la mia reputazione carogne! Non ci si può neanche dimenticare tutto che vieni subito beccata. Anni a cercare di sembrare una personcina seria e niente, puf. Comunque di notte sogno ancora le lasagne di Consorte e la mattina mi sveglio e saluto Laura che stronza non mi risponde

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma eri tu che dai buongiorno? Pensavo di sentire le voci XD

      Elimina
  2. oh ma neanche qui mi avete nominata!!! E dire che io sono venuta praticamente apposta a Tempo di libri per stare con voi. Brutte cattive

    RispondiElimina
  3. Sabrina rallegrati, che quando nominano me è solo per insultarmi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora, insultarti... grosse parole. E' tutto affetto il nostro

      Elimina
  4. Questa chiacchierata è super figa! Ovviamente l'ho letta stamattina, appena sveglia, da cellulare e mi sono fatta grasse risate. Fortunatamente ero sola :D
    Bellissimo avervi incontrate :)

    RispondiElimina
  5. ahahahahah
    che meraviglia!!! e poi la nostra foto alla newton è da incorniciare! :D

    RispondiElimina
  6. Siete meravilgiose! Però una foto della Ropolo da carcerata potevate farla! E ora vado di là a leggere il resto

    RispondiElimina
  7. Sto ridendo come una pazza, ora volo a leggere la seconda parte!

    RispondiElimina

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^