Recensione: Die for me - Amy Plum

Buon pomeriggio amici lettori!
Ho appena finito di leggerlo e voglio parlarvene subito, quando ho ancora gli occhi luccicanti e la testa tra le nuvole! Si tratta di Die for me di Amy Plum, in uscita proprio oggi per De Agostini (che ringrazio per avermelo inviato in anteprima)!


Titolo: Die for me
Titolo originale: Die for me
Serie: Revenant #1
Autore: Amy Plum
Editore: De Agostini
Collana: Le gemme
Pagine: 416
Ebook: € 6,99
Cartaceo: € 14,90
Data di pubblicazione: 14 ottobre 2014
TRAMA

Mi chiamo Kate, ho sedici anni e ho visto morire i miei genitori in un terribile incidente d’auto. Da quel momento niente è più stato come prima. All’improvviso, mi sono ritrovata con il cuore infranto e la vita impacchettata in una valigia, costretta a lasciare tutto per trasferirmi a casa dei miei nonni. A Parigi. E lì ho incontrato Vincent. Bello, misterioso e spaventosamente affascinante, Vincent Delacroix è apparso dal nulla e ha sconvolto il mio mondo. Di nuovo. Perché Vincent non è un ragazzo come gli altri. Dietro ai suoi occhi blu come il mare si nasconde un segreto che affonda le radici nella notte dei tempi. Un segreto che lo costringe a mettere in pericolo la sua vita ogni giorno, per sempre. Così, proprio ora che le cose sembrano andare finalmente per il verso giusto, mi trovo davanti a una scelta difficilissima: devo proteggere ciò che ancora rimane della mia esistenza – e della mia famiglia – oppure rischiare tutto… per un amore impossibile?


RECENSIONE
Sono ancora in fibrillazione per questo libro! Mi è piaciuto? Si, e tantissimo! La storia, l'ambientazione e i personaggi mi sono entrati nel cuore.

La prima cosa che mi ha colpita è copertina, che per fortuna la De Agostini ha mantenuto uguale all'originale. Romantica,  misteriosa, con un pizzico di dark... perfetta!

Ma passiamo alla parte veramente interessante. La storia è ambientata a Parigi e racconta dell'incontro e dell'amore di Kate e Vincent. Kate ha da poco perso i genitori e ancora non si è ripresa da questo terribile lutto. Con la sorella Georgia si trasferisce dai nonni nella capitale francese. Nonostante viva in una città piena di vita e di amore il cuore di Kate sembra non riuscire a superare la mancanza dei genitori e la sua vita è fatta di scuola, libri e piccoli cinema che proiettano vecchi film. Ma un giorno Kate incrocia in un caffè un bel paio di occhi che la osservano: Vincent. E lo rincontra un può ovunque, nella realtà e nei suoi sogni. ma Vincent non è un semplice ragazzo, è nato negli anni '20 e morto durante la seconda guerra mondiale...

Non pensate a vampiri e fantasmi, no no, questi sono Revenants. Possiamo chiamarli non-morti, ma il termine non rende l'idea. Vincent e la sua "famiglia" sono morti in passato per salvare la vita di altri e da quel giorno muoiono e risorgono sempre per aiutare altre persone. Sono degli angeli custodi, ma senza alucce e piume.
Questa storia mi è piaciuta tantissimo, basta vampiri, angeli e simili, benvenute creature nuove, con una storia particolare alle spalle. E che storia! Hanno visto sotto i loro occhi i grandi eventi e i decenni passare. Questo è un aspetto che mi è piaciuto tanto: raccontando la sua storia, Vincent racconta anche la Storia con la S maiuscola, ma in maniera naturale e mai noiosa. Ovviamente, non siamo davanti ad un trattato di storia, ma ci sono quei piccoli accenni sulla Seconda Guerra Mondiale, sulla Resistenza francese che mi hanno molto incuriosito.
Troviamo qua e là degli echi alla Twilight, ma niente di particolarmente fastidioso (e se ve lo dice una che Bella e Edward li avrebbe volentieri decapitati all'ennesima occhiata languida potete starne certi!).
La storia in se magari non è particolarmente originale, ma l'ambientazione e i personaggi fanno la differenza. Tutto il racconto è ambientato in una Parigi romantica e serena, molto immersa nella quotidianità delle sue strade, dei caffè e dei ponti, con la Senna che scorre placida tra una scena e l'altra. Nei momenti di maggior azione poi scopriamo anche una città un po' più scura e inquietante, con night club rumorosi, vicoli oscuri, catacombe umide. E' una città viva. E' un'ambientazione che mi ha molto colpito, perché non è il classico paesino americano sperduto da qualche parte, ma una grande città. Inoltre l'autrice l'ha integrata molto bene nel racconto, spunta ogni tanto fra le righe, la descrive, ma non  diventa invadente (odio quando in un libro descrivono pure le cartacce che ci sono per terra una per una...).

Kate è la protagonista di questo libro. E' una ragazza dolce, distrutta dalla morte dei genitori in un terribile incidente. Nel momento più nero e difficile, riesce a trovare una sua routine quotidiana che la porta un po' fuori dall'isolamento in cui si gettata. E proprio durante questa routine accade qualcosa di straordinario: un bel ragazzo la fissa con occhi incredibili. Questo semplice episodio riporterà la nostra Kate a galla. Mi ha molto colpito come personaggio, perché anche nei momenti più difficili, come all'inizio quando la morte dei genitori è ancora un tarlo nel suo cuore, non mi è sembrata una ragazza fragile. Era come se ci fosse in lei comunque una scintilla che la mandava avanti. E' una sensazione che ho avuto diverse volte durante la lettura: sa reinventarsi, e trovare dentro di se quella forza che neanche lei pensa di avere. Non è la classica bambolona di porcellana che il bel ragazzo deve proteggere. E anche in questo sta il mio amore incondizionato per l'altro protagonista, Vincent, che appunto non la tratta come qualcosa di fragile che può rompersi. E' protettivo? Si certo, la ama, è normale che la voglia al sicuro, ma non in quella maniera ossessiva che a volte si legge in giro. Vincent è il protagonista che vorrei avere in ogni libro. E' bello, e ci sta, ma anche profondo, dolce, gentiluomo... Quello che è importante però è quello che non è: non è noioso, non è sul punto di volersi suicidare ogni secondo, non è possessivo, maniaco del controllo.
Quella che c'è tra loro è una storia romantica, con alcune scene proprio da film (del tipo lei che corre tra le sue braccia sotto la pioggia), ma paradossalmente non mi ha mai dato l'idea di eccessivo, di troppo (insomma niente zucchero). Inoltre l'ho trovata ben calibrata con l'aspetto paranormale.

In conclusione, ragazze e ragazzi avete ancora tempo per correre in libreria prima che chiuda! Forza!! E' una bellissima storia, dolce e da batticuore per le più romantiche, originale e particolare per le amanti del genere paranormal! Si legge in un sol boccone: io l'ho letto in un giorno e mezzo, non riuscivo  a staccarmi! Ora però mi tocca aspettare per il secondo... AIUTO!! Come farò? Io voglio ancora Kate e Vincent!!

Voto...


Alla prossima
Eliza


CONVERSATION

7 commenti:

  1. Sembra davvero bellissimo e so che approverai il suo inserimento nella mia wishlist! Mi stuzzica :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che approvo... sto progettando un huckeraggio di tutte le wish list del mondo per segnarlo!!! -.- si sono un po' matta...

      Elimina
  2. Ok, la cover è una FIGATA.
    E poi è ambientato a Parigi... Parigiiiii. E il giovanotto che muore e rinasce mi sa tanto di uno che vede epoche diverse, uh *-*
    chissà chissà che per una volta io non faccia un'eccezione alla regola e compri un romanzo d'amore :p un abbraccio Laura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, si è d'amore ma non solo!! E poi Kate e Vincent sono così carini!!!

      Elimina
  3. La copertina è la classica, però mi piace! Secondo me mi piace così tanto perché è rossa e io amo il rosso ahhaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un rosso un po' rosato... però è bella!! Tanto tanto!!

      Elimina
  4. Ciao! Ok ero indecisa sulla mia prossima lettura e mi hai convinta lo inizio al più presto!
    La cover è davvero bella, meno male che non l'hanno cambiata e anche l'ambientazione Parigi....mi piace!!!

    RispondiElimina

AVVISO: TUTTI I COMMENTI SPAM VERRANNO CANCELLATI

Premi: se avete scelto di premiare il mio blog vi ringrazio con tutto il cuore! E' sempre bello veder riconosciuto il proprio lavoro. Tuttavia, per motivi di tempo e organizzazione non posso ritirarli!

Avete un'opinione diversa dalla mia? Volete consigliarmi un buon libro? Cercate informazioni? Allora questo è il posto giusto per voi...Commentate!^^

Back
to top